Translate

lunedì 2 settembre 2013

Prima domenica di settembre: la Regata Storica

Anche quest’anno la prima domenica di settembre si è svolta la Regata Storica, la più tradizionale delle manifestazioni veneziane.Questa regata rappresenta il principale appuntamento del calendario di gare di voga alla veneta, disciplina unica al mondo, praticata da millenni nella laguna veneziana.

La tecnica di questa particolare voga ha origini antiche e consiste nel vogare in piedi in modo che il vogatore possa vedere dove ci sia sufficiente fondale, nell’intrico di canali, ghebi e barene della laguna. Essa prevede l’utilizzo di barche dal fondo piatto, senza chiglia, abbastanza leggere da poter essere condotte da unasola persona e asimmetriche in modo da poter vogare con un solo remo. Il bisogno di muovere liberamente il remo per spingersi sui fondali bassi o per scivolare negli stretti canali ha determinato la nascita di uno scalmo aperto detto forcola.

La Regata ha origine antichissime. Le prime testimonianze storiche risalgono alla metà del secolo XIII e sono legate alla Festa delle Marie. Si racconta che durante una festa popolare, i pirati rapirono tutte le donne veneziane in età da marito, ma furono subito inseguiti dagli uomini che remando furiosamente sulle loro barche riuscirono a raggiungere e liberare le giovani rapite.

La sontuosa manifestazione, che ai tempi della Serenissima veniva organizzata per celebrare le vittorie militari o per rendere omaggio agli importanti ospiti stranieri in visita in cittá, si compone oggi di due momenti diversi: il corteo storico e le regate.

Il corteo storico è formato da decine di imbarcazioni a remi tipiche del Veneto tra cui le bissone che vengono usate solo in questo tipo di occasioni, imbarcazioni cinquecentesche multicolori che trasportano figuranti in costume d’epoca tra cui il doge, la dogaressa e tutte le più alte cariche della Magistratura veneziana.



 









Il corteo rievoca l’accoglienza trionfale riservata nel 1489 a Caterina Cornaro, sposa del Re di Cipro al suo arrivo in città nel 1489, dopo l'abdicazione del suo trono in favore di Venezia. Le barche sfilano in una processione che parte dal Bacino di San Marco e percorre tutto il Canal Grande fino alla stazione, per poi ripercorrere a ritroso il suo tragitto fino al punto di arrivo delle gare a remi, la Machina, palco galleggiante costruito di fronte a Ca' Foscari.






Le gare di voga alla veneta invece che si svolgono durante la Regata Storica sono in totale sette. A ogni regata partecipano nove equipaggi. Le barche usate per la regata sono contraddistinte da un numero, ma anche da scafi interamente dipinti in diversi colori, che anticamente contraddistinguevano le varie zone di Venezia e della laguna. Il numero individua anche la posizione che la barca deve tenere nell'allineamento alla partenze e viene assegnato a ciascun equipaggio tramite sorteggio. L'abbinamento tra numero e colore dell'imbarcazione è fisso.

 La più famosa ed entusiasmante tra queste è la regata dei campionissimi su gondolini, barche che sfrecciano velocissime in Canal Grande essendo molto agili e  leggere utilizzate esclusivamente in questa regata. Date le caratteristiche della barca le doti richieste ai vogatori (i campionissimi) sono un grande equilibrio, innate doti tecniche per il poppiere e una grande potenza per il proviere, il tutto condito da un pizzico di furbizia e un'ottima conoscenza delle correnti.

Il titolo di re del remo è il riconoscimento che viene assegnato al regatante che abbia vinto per cinque volte consecutive la regata conclusiva dei gondolini.Nella storia della Regata Storica nella sua versione moderna (ossia dal 1841 in avanti) sono stati in tutto sette i regatanti ad aver conseguito tale titolo, considerato molto prestigioso proprio per la sua difficoltà. 

Ieri dunque si è svolta questa manifestazione che ho interamente seguito in televisione su Rai2, non potendo sfortunatamente essere lí di persona.A parte le meravigliose immagini di Vnezia e dei suoi colori ddi cui mi sono totalmente estasiata la regata é stato un momento spettacolare, pittoresco e coinvolgente e per una volta lasciatemi essere un po’di parte perché quest’anno per la seconda volta consecutiva hanno vinto Igor e Rudi Vignotto, due cugini di San Erasmo, parenti della mia famiglia. Rudi e Igor hanno lottato per tutto il tragitto fianco a fianco con il gondolino arrivato secondo e hanno vinto con solo 1 minuto di distacco. I Vignotto sono molto conosciuti a Venezia , hanno vinto la regata storica giá  12 volte e sono dei grandissimi campioni. Anche la moglie di Rudi, Luisella Schiavon ieri ha vinto assieme a Giorgia Ragazzi la regata delle donne, ma per loro è stato un momento speciale in quanto vincendo per la quinta volta consecutiva  si sono comquistate il titolo di “regine del remo”. Complimenti davvero cari cugini!





Nessun commento:

Posta un commento